Get Adobe Flash player

141002_labambinaPresentazione del libro
La bambina dei pensieri
ovvero
La Marilia
di Luisa Pestrin

Sabato 11 ottobre 2014, ore 17.00

San Michele al Tagliamento (VE)
Sala Venudo – Municipio

Interventi:
Sandro Scodeller, Assessore alla Cultura
Luisa Pestrin, autrice – editore
Musiche a cura dei giovani strumentisti
del gruppo corale latisanese

Di Monia Andri

Il Caiut ha il piacere di farvi conoscere Luisa Pestrin. Giornalista. insegnante,

lettrice professionista, scrittrice. Ha vinto numerosi concorsi nazionali e

internazionali di poesia e letteratura, di giornalismo e diversi sono stati i

riconoscimenti per le Sezioni dedicate al friulano. Titolare della casa editrice

“La Marilìa”. Marilìa è una farfalla che guida la straordinaria scrittrice nel mondo

della fantasia. A breve uscirà l’ultima sua fatica letteraria “La bambina dei pensieri”.

Tu e la tua scrittura

La mia scrittura è il mio modo di esistere, è l’altra me stessa che rivelo agli altri ogni

giorno, sotto forme diverse, ma sempre coinvolgenti.

Cos’è per te la scrittura?

la scrittura per me non è ancora un lavoro, forse non lo sarà mai. Ma è il mio

salvagente, la maniera di restare a galla nella vita riuscendo a comunicare ed a emozionarmi

insieme agli altri. E’ testimonianza.

Il rapporto con i tuoi lettori.

Io da sempre preferisco i contatti umani, quindi non sono nei social-networks. Per la poesia,

succede che incontri persone che si immedesimano in quello di me che leggono ed è sempre

un miracolo! Per le favole magari capita che i bambini mi riconoscano e che mi dicano che gli

sono piaciute o che le rileggano, e questo ripaga di tutte le fatiche fatte per pubblicarle.

Gli esordi con il giornalismo

Io nel ’88-’89 ero in Cina a documentare, perchè frequentavo un corso di giornalismo a

Padova oltre alla facoltà di Lettere a Venezia. Credevo davvero che la mia strada sarebbe

stata la testimonianza del non detto. Ma mi sono trovata in mezzo alla strage di TienAnMen

e le mie poche parole non sono servite a niente. Sono entrata in crisi. In seguito ad altri studi mi

hanno proposto cronache locali, ma il mio sogno non c’era più. Mi sono innamorata delle

parole in senso diverso, come scrittura che cambia la vita singolarmente, uno ad uno.

Quando hai cominciato a dedicarti alla letteratura impegnata. Perchè?

Mi sono innamorata della letteratura, quella grande, frequentando il corso di Contaemporanea

a Ca Foscari con Alfonso Berardinelli. Oggi critico. Pasolini era morto da poco, eppure era già

in odore di profeta, di poesia pura. L’idea che la grande scrittura potesse vivere in mezzo alla gente

e per la gente era straordinaria. Naturalmente bisognava farsi una buona scorta anche dei grandi

romanzi dell’Ottocento per essere in regola. Ma chi se li dimentica Useppe e Arturo di Elsa Morante…

e Vittorio Sereni e Don Milani.

Ricordi la prima poesia o componimento?

Si, è stata per un concorso scolastico in terza media, parlava della fame dei bambini nel mondo ed è

arrivata prima. Ma io non ho festeggiato, mi sentivo triste per loro.

C’é qualcuno che ti ha influenzato o qualcosa che ti ha spinto a farlo?

Io ho sempre scritto perchè avevo un’ipersensibilità che non riusciva a trovare spazi nella vita

di tutti i giorni. Preferivo leggere che correre, leggere che giocare ed è finita così.

I Premi Principali e quelli a cui tieni di più.

Per la poesia quello che ho ricevuto a Castel Sant’Angelo a Roma, C.A.P.I.T. nel 2005 per il libro

di poesie, per il racconto edito quello del 2012 a Firenze con “Ninna nanna della guerra”di cui sono

anche editore e infine ricordo con emozione intensa la nomina al merito per il testo in friulano

“Singar” al Noventa-Pascutto nel 2005, che ho voluto ritirare insieme al rappresentante di

un’Associazione Culturale Rom, con cui avevo prodotto un libro nella loro lingua.

Racconti per l’infanzia

Le mie favole sono autobiografiche o riprendono storie vere che vengono riscritte per bambini.

Ora ho prodotto anche una minicollana di quelle scritte dai proprio dai bambini dei miei laboratori.

La farfalla Marilìa

Mi è nata come personaggio per comunicare con i piccoli, in un momento di grande crisi personale.

E’ immaginaria, si può vedere solo quando si avvera un sogno perchè lei porta i sogni dei bambini

vicino al  sole per poter volare. Dorme nella mia Laguna, un terra nè terra nè mare, e in cambio di un

sogno regala una storia, una favola, un racconto.

L’insegnamento e i corsi di scrittura creativa.

Questo compito mi rende felice, perchè si riesce a far uscire letteralmente dalle persone quello che

esprimendo con la scrittura riescono a sublimare e a rendere comune. A volte i risultati sono di grande

valore e inaspettati.

Le collaborazioni

Ho avuto la fortuna di presentare o di leggere per autori nazionali molto validi. Con alcuni è nata una

stima profonda. Per le mie favole ho da anni la collaborazione di un’illustratrice professionista che

collabora con Sarmede e che è MariaGrazia Colonnello, che ha subito creduto al mio progetto.

Bilancio. Sacrifici e soddisfazioni

I sacrifici per sopravvivere alle pubblicazioni, ai loro costi, al percorrere strade non battute sono

state enormi, ma anche i risultati in termini di vendite e di riconoscimenti su è giù per l’Italia

non me li dimentico.

Cosa diresti ad un neofita e a chi conserva nel cassetto qualche umile scritto…

Di chiedersi se vuole veramente che venga letto e condiviso e soprattutto il perchè. Sta in quel

perchè l’eventuale forza per quello che si deve affrontare.

La prossima fatica letteraria parlerà di?

Devo far uscire da tempo il secondo libro di poesie in italiano e il primo per i testi in friulano

che girano come fotocopie. La prossima favola è “La bambina dei pensieri”. E’ una tema un po’

delicato che affronterò al momento opportuno.

Cosa vorresti aggiungere a questa intervista?

Un caffè insieme e una passeggiata in laguna, offro io.

Ringrazio di cuore e accetto volentieri l’invito.

 

 

 

 

 

Presentazione del libro: La traccia dell'acqua di Salvatore Errante ParrinoUniversità della Terza Età ” Pablo Naliato”
Sezione di Latisana in collaborazione Città di Latisana
Assessorato alla Cultura
Biblioteca Civica
Edizioni La Marilia
Incontri con … SALVATORE ERRANTE PARRINO
La traccia dell’acqua
presentazione e letture a cura di Luisa Pestrin
venerdì 30 marzo 2012 1730
Sala conferenze del Centro Polifunzionale
via Goldoni, 22, Latisana
Scarica locandina

Presentazione del libro: Ninna nanna della guerraVenerdì 16 Marzo 2012 ore 17,30 
Presentazione del libro:
 Ninna nanna della guerra 
di Luisa Pestrin 
Immagini di Maria Grazia Colonnello
Presso il Bar Poco di Buono 
Piazza San Cristofono - Udine

Libreria Lab Bookstore
Corso Martiri, 19 – Portogruaro

Sabato 18 Febbraio 2012

IL GRUPPO EMERGENCY DI PORTOGRUARO
ti aspeta alla libreria Lab con banchetto info e raccolta fondi

Ore 17,00 Presentazione del libro
“Nina Nanna della Guerra”
a cura dell’autrice Luisa Pestrin
Per info:
Ilaria 3467838561
Lisa 3495226974
emergencyportogruaro@yahoo.it

Le storie dentro la paceTERZO BACINOLaguna di Bibione – ORATORIO
nel paese dove si regalano le favole
24 e 25 settembre 2011 – dalle 16.00 alle 24.00

Sabato 24 – ore 16.0
Apertura esposizione immagini di Maria Grazia Colonnello dal monogolo
Ninna nanna della guerra di Luisa Pestrin

ore 16.30
Laboratorio gratuito di favole per bambini a cura di Emergency

  • Un libro di favole classiche in regalo ad ogni bambino in visita da parte delle Edizioni La Marilia
  • Sarà presente uno stand di Emergency

Invito Le storie dentro la pace

Ingresso libero e gratuito

Informazioni:
www.lamariliaedizioni.it,   Cell. 348-7918151

Sabato 26 marzo 2011 alle 20.30

FABER, IL MIO AMICO FRAGILE
presso il Centro Polifunzionale “Le Betulle” – Cesarolo
in occasione della festa annuale
Sarà presente il cantautore Alberto Cantone
Musica:
Stefano Maroelli, chitarra acustica
Nicola Casellato, violino
Voce narrante: Luisa Pestrin

Informazioni:
www.lamariliaedizioni.it

Cell. 348-7918151

Antonia Arslan - Ishtar 2 - Cronache dal mio risveglio  Mercoledì 9 febbraio 2011, ore 18.00

Città di Latisana
Assessorato alla Cultura e Pubblica Istruzione
Biblioteca Civica
In occasione dell’uscita del suo ultimo libro

Ishtar 2 – Cronache dal mio risveglio
Antonia Arslan

racconta le sue esperienze tra l’impegno e gli aiuti per la popolazione armena e una difficile fase della sua vita dalla quale è uscita vincente.

Presentazione di Franca Grosso
Letture a cura di Luisa Pestrin
Continua a leggere

Visualizza Terzo Bacino in una mappa di dimensioni maggiori Continua a leggere

L’animatrice culturale Luisa Pestrin da anni scrive fiabe da leggere ad alta voce ai bambini che scrivono alla farfalla Marilia i loro sogni.   Il sogno di Luisa, fondare una casa editrice per pubblicare le sue favole (ma non solo), si è concretizzato con il “Mirabolante viaggio di Naso Rosso”, prima uscita delle Edizioni La Marilia (Pagg.32, Euro10,00).  Il raccontino è ispirato alla storia di Miluod Oukili, il giovane clown che dal 1992 restituisce una speranza di dignità ai bambini delle fogne di Bucarest. Figli di nessuno, piccoli e indifesi “randagi”, vittime di una guerra tra poveri che nell’Europa dell’Est strema grandi e piccoli, che l’illustratrice Maria Grazia Colonnello rappresenta come figure lignee dagli occhi svuotati di luce dall’abbandono e dalla disperazione.

Enrica Guidotti, 2006.